Ecco chi è Salvini.

Anticipazioni:

“Ho provato a licenziare Matteo Salvini per due volte” ha raccontato l’ex direttore de “La Padania” Gigi Moncalvo, nell’intervista di lunedì a Report.

“La prima volta – racconta – fu a cavallo delle feste di fine anno. Durante quei giorni, chi veniva a lavoro, riceveva il triplo della paga. Salvini in quei giorni non c’era a lavoro. Non era nemmeno reperibile dove avrebbe dovuto. Ma quando a fine mese arrivò il foglio delle presenze lui lo firmò lo stesso”.

“La seconda volta fu quando scoprì che aveva falsificato quattro note per i rimborsi spesa. Quando glielo feci presente, a muso duro, lui mi rispose: tu passi, io resto. E credimi: diventerò sempre più potente”.

E aveva ragione.

Quello che Report rivela nell’ora successiva a questa intervista, con tanto di documenti e dichiarazioni dei diretti interessati (russi e americani), avrebbe dovuto portare alla fuga di Salvini dall’Italia nascosto nel vano di una macchina, per evitare la ferocia della folla (la sua folla, quella patriota e col tricolore).

Ma per fortuna del Capitano, ai suoi italiani, a quelli che sventolano il tricolore e parlano di “Patria”, dell’Italia e della Patria non è mai fregato un cazzo. E se gliene frega davvero, non hanno capito nulla di ciò che sta accadendo.

Proviamo a riassumerlo allora, per quanto sia vano.

Ciò che in breve viene a galla dalla puntata di Report (e dalle inchieste de L’Espresso), è che in Russia e negli USA operano uomini e gruppi estremamente potenti e ricchi, che hanno (per procura?) un unico grande obiettivo: dissolvere l’Unione Europea, perché d’ostacolo agli interessi globali delle due Super Potenze Straniere.

Come?

La soluzione è semplice. Sostenere in Europa gruppi e forze politiche che – spacciandosi per “nazionaliste” e “patriottiche” – facciano in realtà gli interessi delle due potenze straniere: denigrare e indebolire l’Europa dall’interno.

Il tutto facendo presa su ben determinate fasce della popolazione da manovrare con frasi semplici, foto, slogan, fake news, e alimentando sentimenti quali la paura, il vittimismo, la paranoia della minaccia esterna, il complottismo, la nostalgia, il tradizionalismo religioso, il nazionalismo.

E’ il 2013.
Fino a quell’anno Matteo Salvini tiene ancora comizi contro l’Italia, per l’indipendenza della Padania, scrive sui social “Italia Paese di merda”, insulta ancora i meridionali.

Poi, all’improvviso, in quell’anno, nel 2013, inizia la sua “strana” conversione.

Da storico anti-italiano diventa il più grande patriota italiano. Così, all’improvviso. E, guarda caso, l’anno successivo candida il suo partito alle Europee col nome di “Basta Euro”.

Il 2013 è l’anno della sua elezione a segretario della Lega. E quel giorno, sul palco, sale a parlare un tizio che nessuno aveva mai visto prima: un russo, un certo Alexei Komov.

Che ci fa quel russo lì? Perché è lì?

A spiegarlo alle telecamere di Report è un altro russo, l’uomo che fu invitato (al posto di Komov) al congresso della Lega: il potentissimo Konstantin Malofeev, meglio noto come “l’Oligarca di Dio”, miliardario e ultraconservarvore cristiano: “Avrei dovuto esserci io quel giorno – dice – Ma ebbi degli impegni e mandai in mia sostituzione Alexei Komov”.

E perché, in Italia, avrebbe dovuto esserci al congresso della Lega lui, Malofeev, l'”Oligarca di Dio”, il finanziatore di partiti di estrema destra anti-europei come il Fronte Nazionale di Le Pen in Francia (a cui, prima delle sanzioni, ammette di aver dato 2 milioni di euro)?

Il giornalista di Report lo chiede a Salvini. Che prima finge di non ricordare chi sia Kostantin Malofeev (meravigliosa l’espressione che fa), poi ammette di conoscerlo, ma rinvia l’intervista: alla quale, ovviamente, non si presenterà più.

Malofeev invece risponde, e racconta di aver incontrato l’ultima volta Salvini poco prima della sua nomina a vicepremier, lo scorso anno.

Durante l’intervista Malofeev esplicita il suo pensiero. Degli omosessuali dice: “E’ la Lobby dei Sodomiti e dei Pederasta. E’ colpa dei gay pride se sempre a più maschi piacciono altri maschi”.
E delle donne cosa ne pensa? “Il loro ruolo è essere amate dai mariti. Non dovrebbero lavorare e restare a casa. Il loro ruolo deve essere di casalinghe e madri. Solo donne non amate e infelici diventano femministe”.

Ma Salvini condivide i suoi valori? “Certo – risponde Malofeev – il suo discorso a Verona è stato magnifico”.

E cosa disse Salvini a Verona un anno fa, durante il congresso mondiale sulle famiglie? “Mi incuriosiscono queste cosiddette femministe che se io fossi donna mi metterebbero in difficoltà”.

Che strana questa improvvisa avversione per le femministe.

Ma c’è un’altra coincidenza.
Malofeev è un ultra-conservatore cristiano, principale finanziatore (per decine di milioni di euro ogni anno) della “Fondazione San Basilio il Grande”.

Quell’anno, il 2013, Malofeev vola negli USA, dove crea con altri ricchi gruppi fanatici-cristiani americani una “Santa Alleanza” cristiana. E dagli USA ecco che arrivano finanziamenti alle fondazioni “cristiane” europee, per centinaia di milioni di euro. Le quali, politicamente, si schierano in Europa con i partiti anti-europei.

In Italia, all’improvviso, sui palchi e sui social del Capitano Matteo Salvini, iniziano a comparire sempre più spesso Vangeli, Madonne, appelli ai Santi, al Cuore di Maria, crocefissi, rosari.

Sarà un caso, ma dal 2013 in poi, tutto ciò che Malofeev vuole, lo vuole anche Matteo Salvini.

Tutto ciò che a Malofeev interessa (distruggere la comunità gay, ridimensionare il ruolo della donna, distruggere l’Europa, eliminare le sanzioni contro la Russia, il ritorno dei nazionalismi in Europa, la promozione di una propaganda cristiana e fanatica basata sul culto degli oggetti e non del messaggio cristiano, la critica a Papa Francesco, la mitizzazione di Putin, l’avvicinamento dell’Italia alla Russia), trova in Salvini e/o nella Lega una propaggine completamente in sintonia.

Salvini potrebbe chiarire, smentire, correggere. Magari rispondere sul perché il suo braccio destro in Russia Savoini trattasse con i russi affari da milioni di euro. Perché avesse detto di non sapere che Savoini fosse con lui, quando poi foto e video lo hanno smentito.

Non lo ha mai fatto: né in Parlamento né coi giornalisti.
Liquida le domande con battute, ma non risponde mai.

Consapevole di aver ormai plasmato e anestetizzato il suo elettorato, tanto da poter fare e non fare quel che gli pare, senza doverne più rispondere.

Autore dell'articolo: digrazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *