Abbiamo sbloccato il turnover nella PA: mezzo milione di assunzioni in tre anni!

500mila nuovi posti di lavoro nei prossimi tre anni nella Pubblica Amministrazione: ecco la vera novità di questi giorni!

Finalmente centinaia di migliaia di persone potranno avere la possibilità di partecipare a concorsi pubblici e trovare lavoro. Infermieri, Vigili del Fuoco, Forze dell’Ordine, personale amministrativo e tante altre categorie sociali saranno protagonisti di una rivoluzione attesa da 10 anni.

Per anni il turnover, ovvero il meccanismo che consente allo Stato di avere un ricambio generazionale, è stato bloccato. Per anni i nostri giovani più preparati sono stati costretti ad emigrare all’estero portando le proprie competenze altrove, senza possibilità di esprimere il proprio talento in Italia.

Il nostro ministro Fabiana Dadone, appena insediatasi, guiderà questa inversione di rotta e nei prossimi tre anni ci saranno 500 mila nuovi posti di lavoro nel settore pubblico.
Lo sblocco del turnover ci dà la possibilità di inserire forze fresche nella Pubblica Amministrazione senza costi aggiuntivi. Quota 100, che abbiamo fortemente voluto, ha permesso a 200mila lavoratori che non ce la facevano più di andare in pensione e, di fatto, ha liberato tanti posti di lavoro.

Attraverso l’utilizzo delle graduatorie esistenti e, poi, ad una serie di tanti nuovi concorsi, creeremo le condizioni per una grande occasione di ringiovanimento della pubblica amministrazione. Abbiamo un’età media che va dai 55 ai 59 anni, è arrivato il momento di investire in nuovo personale preparato, giovane, che porterà innovazione e competenze negli uffici, oltre a indirizzare la PA verso il futuro.

Il nostro obiettivo sarà quello di velocizzare la macchina burocratica per rendere quanto più efficaci i procedimenti per le assunzioni.

Una buona notizia per i giovani e meno giovani italiani che da anni attendono una possibilità. Andiamo avanti!

Autore dell'articolo: digrazia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *